Formazioni e trasformazioni di spazi linguistici e sociali: riflessioni sull'Esquilino