Adolfo Venturi. La memoria dell'occhio e il rigore della storia