Le forme del bello. Winckelmann e il carattere „ellittico“ della bellezza