Il futuro dei classici fra informe ed astrazione