Celan, Adorno e la poesia dopo Auschwitz