Il setting terapeutico come mente relazionale complessa