L'uso dell'altro e l'uso della relazione: la "coppia interna" e il "filgio interno"