"Social card", o del ritorno alla carità di Stato