Maestri e discepoli nelle scuole universitarie: un modello alternativo?