La complessità della diagnosi: il caso dei disturbi alimentari