I poteri del magistrato civile in materia religiosa in un dibattito cinquecentesco sulla libertà di coscienza