Progettazione Tecnologica Ambientale e transizione energetica e bioclimatica: Questo binomio è fondamentale, nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi prefissati nell’ambito della Cop26 (Cop twenty-six) di Glasgow, ovvero della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del novembre 2021, che ha sancito l’impegno a raggiungere entro il 2050 la cosiddetta Carbon Neutrality. Ai fini del raggiungimento di questo obiettivo, la strategia, lo strumento, principale e fondamentale, è appunto la transizione energetica, cioè il passaggio da un mix energetico centrato sull’uso dei combustibili fossili, ovvero caratterizzati dall’utilizzazione di fonti energetiche ad altra impronta carbonica, a uno a basse o a zero emissioni di carbonio, basato quindi, fondamentalmente, sull’utilizzazione delle fonti energetiche rinnovabili. Nell’ambito del concetto di transizione energetica, assume un peso rilevante il settore residenziale e terziario che, come evidenziato fin dal 2002 nelle premesse alla Direttiva 2002/91 CE del Parlamento Europeo sul rendimento energetico nell’edilizia, consuma oltre il 40% dell’energia nella Comunità Europea. In altri termini, noi architetti, siamo responsabili di una importante quota parte, superiore al 40% degli attuali consumi energetici e delle emissioni climalteranti ad essi connesse. Pertanto, occorre incentrare la nostra attenzione su quelli che sono gli assi fondamentali della transizione energetica nel settore delle costruzioni edilizie e, più in generale, delle trasformazione dell’ambiente antropico. Assi che possono essere individuati in: - Efficientamento energetico degli edifici; - Riduzione del fabbisogno energetico degli edifici - Produzione energetica da fonte rinnovabile per il fabbisogno degli edifici; - Uso di materiali a bassa impronta carbonica, con riferimento anche al loro ciclo produttivo

Progettazione tecnologica ambientale e transizione energetica e bioclimatica / D'Olimpio, Domenico. - (2023). (Intervento presentato al convegno Riqualificare con la progettazione tecnologica ambientale tenutosi a Roma, Italia).

Progettazione tecnologica ambientale e transizione energetica e bioclimatica

domenico d'olimpio
2023

Abstract

Progettazione Tecnologica Ambientale e transizione energetica e bioclimatica: Questo binomio è fondamentale, nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi prefissati nell’ambito della Cop26 (Cop twenty-six) di Glasgow, ovvero della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del novembre 2021, che ha sancito l’impegno a raggiungere entro il 2050 la cosiddetta Carbon Neutrality. Ai fini del raggiungimento di questo obiettivo, la strategia, lo strumento, principale e fondamentale, è appunto la transizione energetica, cioè il passaggio da un mix energetico centrato sull’uso dei combustibili fossili, ovvero caratterizzati dall’utilizzazione di fonti energetiche ad altra impronta carbonica, a uno a basse o a zero emissioni di carbonio, basato quindi, fondamentalmente, sull’utilizzazione delle fonti energetiche rinnovabili. Nell’ambito del concetto di transizione energetica, assume un peso rilevante il settore residenziale e terziario che, come evidenziato fin dal 2002 nelle premesse alla Direttiva 2002/91 CE del Parlamento Europeo sul rendimento energetico nell’edilizia, consuma oltre il 40% dell’energia nella Comunità Europea. In altri termini, noi architetti, siamo responsabili di una importante quota parte, superiore al 40% degli attuali consumi energetici e delle emissioni climalteranti ad essi connesse. Pertanto, occorre incentrare la nostra attenzione su quelli che sono gli assi fondamentali della transizione energetica nel settore delle costruzioni edilizie e, più in generale, delle trasformazione dell’ambiente antropico. Assi che possono essere individuati in: - Efficientamento energetico degli edifici; - Riduzione del fabbisogno energetico degli edifici - Produzione energetica da fonte rinnovabile per il fabbisogno degli edifici; - Uso di materiali a bassa impronta carbonica, con riferimento anche al loro ciclo produttivo
2023
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1680441
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact