Il cinema italiano dal policentrismo alla nazionalizzazione nel passaggio dal muto al sonoro e in parallelo con la parabola del Fascismo, con spunti comparativi (riferiti a Francia e Spagna)

Trovare la parola e perdere la libertà: propaganda, censura, guerra e intrattenimento nella marcia su Roma del cinema fascista, in AAVV, Lorenzo Bertucelli, Alfonso Botti e Fabio degli Esposti editors, I conflitti e la storia. Studi in onore di Giovanna Procacci, Viella, Roma, 2o12 / Cipolloni, Marco. - (2012), pp. 275-302.

Trovare la parola e perdere la libertà: propaganda, censura, guerra e intrattenimento nella marcia su Roma del cinema fascista, in AAVV, Lorenzo Bertucelli, Alfonso Botti e Fabio degli Esposti editors, I conflitti e la storia. Studi in onore di Giovanna Procacci, Viella, Roma, 2o12

CIPOLLONI, Marco
2012

Abstract

Il cinema italiano dal policentrismo alla nazionalizzazione nel passaggio dal muto al sonoro e in parallelo con la parabola del Fascismo, con spunti comparativi (riferiti a Francia e Spagna)
2012
I conflitti e la storia
9788883349454
Italian cinema; from silent to sound film; censorship; dictatorship; popular culture
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
Trovare la parola e perdere la libertà: propaganda, censura, guerra e intrattenimento nella marcia su Roma del cinema fascista, in AAVV, Lorenzo Bertucelli, Alfonso Botti e Fabio degli Esposti editors, I conflitti e la storia. Studi in onore di Giovanna Procacci, Viella, Roma, 2o12 / Cipolloni, Marco. - (2012), pp. 275-302.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1677133
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact