La defattualizzazione tra virtualità e simulazione