Il "mondo dei padri" nella metafora del Vecchio Cavaliere