Le carte di sensibilità come ausilio alla costruzione di rappresentazioni identitarie