Leopardi, Anacreonte, e la traduzione dall’antico