Eledus et Serene, v. 209: un'ipotesi di rilettura (ovvero una congettura difficilior in codex unicus)