Lo scritto esamina il carattere politico dell'opera di Angelo Colangelo, dalle sculture degli anni Settanta alle installazioni e performance degli anni Novanta e Duemila. Il contributo intende gettare luce sulle affinità tra le sculture in metallo esposte dall'artista nel 1971 a Roma alla Galleria G.A.P. e le installazioni e le performance più recenti, tra cui Ius primae noctis (2007) e Sisifo (2008)

"Il mio lavoro vorrebbe evidenziare gli strumenti stessi del potere": alcune riflessioni sulla natura politica dell’opera di Angelo Colangelo / Perna, Raffaella. - (2021), pp. 13-16.

"Il mio lavoro vorrebbe evidenziare gli strumenti stessi del potere": alcune riflessioni sulla natura politica dell’opera di Angelo Colangelo

Raffaella Perna
2021

Abstract

Lo scritto esamina il carattere politico dell'opera di Angelo Colangelo, dalle sculture degli anni Settanta alle installazioni e performance degli anni Novanta e Duemila. Il contributo intende gettare luce sulle affinità tra le sculture in metallo esposte dall'artista nel 1971 a Roma alla Galleria G.A.P. e le installazioni e le performance più recenti, tra cui Ius primae noctis (2007) e Sisifo (2008)
Umano Disumano. Angelo Colangelo
9788831301237
scultura; installazione; performance; corpo
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
"Il mio lavoro vorrebbe evidenziare gli strumenti stessi del potere": alcune riflessioni sulla natura politica dell’opera di Angelo Colangelo / Perna, Raffaella. - (2021), pp. 13-16.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1659959
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact