Nel saggio si analizza l'operetta Di kishefmakherin (in italiano La maga) di Goldfaden considerandone le influenze, lo stile, il retroterra. Dalla tradizione dell'operetta in particolare romena, a Giuseppe Verdi, da elementi tipici del folklore yiddish, all'illuminismo ebraico di metà ottocento. In particolare il personaggio protagonista della maga è sottoposto da Goldfaden a una corrosione razionalistica, che lo rende originale. Si tratta di un testo (e di musiche) molto celebre del repertorio spettacolare yiddish, non a caso riproposto fino alle prime decadi del novecento anche dall'avanguardia sovietica.

The text of Goldfaden's Di kishefmakherin and the Operetta Tradition

BERTOLONE, PAOLA
2003

Abstract

Nel saggio si analizza l'operetta Di kishefmakherin (in italiano La maga) di Goldfaden considerandone le influenze, lo stile, il retroterra. Dalla tradizione dell'operetta in particolare romena, a Giuseppe Verdi, da elementi tipici del folklore yiddish, all'illuminismo ebraico di metà ottocento. In particolare il personaggio protagonista della maga è sottoposto da Goldfaden a una corrosione razionalistica, che lo rende originale. Si tratta di un testo (e di musiche) molto celebre del repertorio spettacolare yiddish, non a caso riproposto fino alle prime decadi del novecento anche dall'avanguardia sovietica.
1874774811
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1658066
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 1
social impact