La 'Dame aux camélias' di Dumas fils, cavallo di battaglia anche di Sarah Bernhardt e di Eleonora Duse, testo di fondamentale interesse per la storia dello spettacolo è l'oggetto dell'articolo. Le loro interpretazioni in termini evolutivi e poste a confronto, sono analizzate attraverso materiali iconografici, il film con protagonista l'attrice francese, memorie, recensioni, caricature, lettere, impressioni suscitate nei collaboratori e nel pubblico in genere. L'articolo sottolinea l'andamento eccentrico e sublimante della Bernhardt, che eccelleva nella scena finale della morte in verticale, cui corrispondevano movimenti asimmetrici e roteanti, a spirale (il Liberty conosce le stesse modalità, così come Loie Fuller e la sua danse serpentine), la sua modernità fondata su un anti-realismo mediano. Dell'attrice italiana, di cui viene ricostruita anche la datazione della prima della Signora dalle camelie, si sottolinea una tendenza corporea opposta, orizzontale,basata sull'accentuazione del peso verso terra, della gravità, studiatamente proprio opposta alla Bernhardt (che non manca di cogliere con acume e precisione la sua strategia interpretativa), cioè un realismo che superava le convenzioni del realismo manierato, del canone della riproduzione rappresentativa. Entrambe eliminano o sfumano l'aspetto da vittima sacrificale di Margherita.

Canto, incanto, discanto della Dame aux camélias. Le interpretazioni di Sarah Bernhardt e di Eleonora Duse

BERTOLONE, PAOLA
2010

Abstract

La 'Dame aux camélias' di Dumas fils, cavallo di battaglia anche di Sarah Bernhardt e di Eleonora Duse, testo di fondamentale interesse per la storia dello spettacolo è l'oggetto dell'articolo. Le loro interpretazioni in termini evolutivi e poste a confronto, sono analizzate attraverso materiali iconografici, il film con protagonista l'attrice francese, memorie, recensioni, caricature, lettere, impressioni suscitate nei collaboratori e nel pubblico in genere. L'articolo sottolinea l'andamento eccentrico e sublimante della Bernhardt, che eccelleva nella scena finale della morte in verticale, cui corrispondevano movimenti asimmetrici e roteanti, a spirale (il Liberty conosce le stesse modalità, così come Loie Fuller e la sua danse serpentine), la sua modernità fondata su un anti-realismo mediano. Dell'attrice italiana, di cui viene ricostruita anche la datazione della prima della Signora dalle camelie, si sottolinea una tendenza corporea opposta, orizzontale,basata sull'accentuazione del peso verso terra, della gravità, studiatamente proprio opposta alla Bernhardt (che non manca di cogliere con acume e precisione la sua strategia interpretativa), cioè un realismo che superava le convenzioni del realismo manierato, del canone della riproduzione rappresentativa. Entrambe eliminano o sfumano l'aspetto da vittima sacrificale di Margherita.
9788878705012
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1658061
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact