La Roma caput mundi, ovvero la Roma vertice del mondo, cui speriamo presto, dopo tanti secoli, di far ritorno, è una mèta che i 150 anni che ci separano dalla sua elezione a Capitale dell’Italia unita hanno solo offuscato, mentre i fatti succedutisi in questo secolo e mezzo hanno acuito l’impellenza, oggi, del tornare a raggiungerla. I tanti eventi politici, le vicende diplomatiche, i disastri bellici che hanno caratterizzato in particolare il suo primo secolo di “capitalità” lasciano un’eredità preziosa di cui far tesoro. Nel pro e nel contro. I riflessi avuti, sul terreno urbanistico, su quello del progetto urbano e dell’architettura, sono da osservare e valutare con attenzione. È il tema che a noi interessa e che oggi si impone. Prima di rivedere gli obiettivi e rinnovare le ambizioni, facendolo giustamente attraverso la lente trasversale della maggiore sensibilità ambientale, ecologica e umanitaria che oggi ci compete, proviamo quindi a tirare le somme di quanto accaduto e di quanto abbiamo ricevuto in consegna, portandoci nel tempo allo stato dell’arte del 2° dopoguerra e osservandone gli sviluppi nei primi decenni a esso successivi. Tre sono le tappe cruciali della ricerca di rappresentatività attraversate dall’urbe: 1. la Roma Capitale del Regno 2. la Roma Capitale del proclamato Impero mussoliniano 3. la Roma Capitale della Repubblica Ognuna delle tappe porta alla ribalta, nel rispettivo arco temporale, una visione urbanistica propria, nel ricercare, sia topologicamente che tipologicamente e morfologicamente, un carattere di centralità che sia rappresentativa della sua valenza capitale. Così facendo, lascia, ognuna, una traccia profonda sul territorio, che oggi, se pur viziata di ideologismo, vale la pena mantenere, ripensare, aggiornare: 1) il centro città, 2) l’EUR, 3) la dorsale orientale

La capitale tripolare del secondo dopoguerra. Implosione o esplosione d'immagine?

Paola Veronica Dell'Aira
Primo
Writing – Original Draft Preparation
2022

Abstract

La Roma caput mundi, ovvero la Roma vertice del mondo, cui speriamo presto, dopo tanti secoli, di far ritorno, è una mèta che i 150 anni che ci separano dalla sua elezione a Capitale dell’Italia unita hanno solo offuscato, mentre i fatti succedutisi in questo secolo e mezzo hanno acuito l’impellenza, oggi, del tornare a raggiungerla. I tanti eventi politici, le vicende diplomatiche, i disastri bellici che hanno caratterizzato in particolare il suo primo secolo di “capitalità” lasciano un’eredità preziosa di cui far tesoro. Nel pro e nel contro. I riflessi avuti, sul terreno urbanistico, su quello del progetto urbano e dell’architettura, sono da osservare e valutare con attenzione. È il tema che a noi interessa e che oggi si impone. Prima di rivedere gli obiettivi e rinnovare le ambizioni, facendolo giustamente attraverso la lente trasversale della maggiore sensibilità ambientale, ecologica e umanitaria che oggi ci compete, proviamo quindi a tirare le somme di quanto accaduto e di quanto abbiamo ricevuto in consegna, portandoci nel tempo allo stato dell’arte del 2° dopoguerra e osservandone gli sviluppi nei primi decenni a esso successivi. Tre sono le tappe cruciali della ricerca di rappresentatività attraversate dall’urbe: 1. la Roma Capitale del Regno 2. la Roma Capitale del proclamato Impero mussoliniano 3. la Roma Capitale della Repubblica Ognuna delle tappe porta alla ribalta, nel rispettivo arco temporale, una visione urbanistica propria, nel ricercare, sia topologicamente che tipologicamente e morfologicamente, un carattere di centralità che sia rappresentativa della sua valenza capitale. Così facendo, lascia, ognuna, una traccia profonda sul territorio, che oggi, se pur viziata di ideologismo, vale la pena mantenere, ripensare, aggiornare: 1) il centro città, 2) l’EUR, 3) la dorsale orientale
978-88-229-0881-0
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Dell'Aira_Capitale-tripolare_Cover_2022.pdf

solo gestori archivio

Note: COPERTINA
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.65 MB
Formato Adobe PDF
2.65 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Dell'Aira_Capitale-tripolare_2022.pdf.pdf

solo gestori archivio

Note: frontespizio, indice, articolo
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 918.44 kB
Formato Adobe PDF
918.44 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1657247
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact