La collezione di Cristina di Svezia, un Cupido riconsiderato e due inventari