Translations, translators and printers of Paolo Giovio in Italy, France and Spain in the sixteenth century Translations of historical works accompanied and followed the much wider spread of humanism from the second half of the fifteenth century. They became one of the main vectors of communication, not only cultural communication, among various countries in Europe. Initially, humanists concentrated their attention on translations of the classical historians, from Greek into Latin or from Latin into the vulgar tongues. The first decades of the sixteenth century saw a rapid rise in the publication of translations that narrated contemporary events. The works of Paolo Giovio were among the sixteenth century texts that were most frequently translated into different European languages. This paper combines an examination of several translations, especially into French and Spanish, with a look at the figures of various translators and printers themselves. It effectively shows how encounters, exchanges and interactions took place between different cultures, how cultural models were formed and circulated and how all these events reflected evolving political dynamics.

Il fenomeno delle traduzioni di opere storiche seguì e accompagnò quello ben più ampio della diffusione dell’umanesimo in Europa a partire dalla seconda metà del XV secolo, divenendo uno dei principali vettori della comunicazione, non solo culturale, fra i diversi paesi europei. Inizialmente l’attenzione degli umanisti si concentrò sulle traduzioni degli storici classici, dal greco in latino o dal latino nelle lingue volgari. Nei primi decenni del XVI secolo si ebbe un forte incremento della pubblicazione delle traduzioni di storie che narravano eventi contemporanei. Tra queste, le opere storiche di Paolo Giovio furono tra i testi cinquecenteschi più tradotti nelle diverse lingue europee. L’analisi intrecciata di alcune traduzioni, in particolare di quelle in francese e in spagnolo, e di varie figure di traduttori e di stampatori, mostra assai efficacemente come avvenissero gli incontri, gli scambi, le interazioni fra culture diverse, i modi di formazione e di circolazione dei modelli culturali, ma anche come tutte queste vicende riflettessero l’evolversi delle dinamiche politiche.

Traduzioni, traduttori e stampatori di Paolo Giovio tra Italia, Francia e Spagna nel Cinquecento

Elena Valeri
2022

Abstract

Il fenomeno delle traduzioni di opere storiche seguì e accompagnò quello ben più ampio della diffusione dell’umanesimo in Europa a partire dalla seconda metà del XV secolo, divenendo uno dei principali vettori della comunicazione, non solo culturale, fra i diversi paesi europei. Inizialmente l’attenzione degli umanisti si concentrò sulle traduzioni degli storici classici, dal greco in latino o dal latino nelle lingue volgari. Nei primi decenni del XVI secolo si ebbe un forte incremento della pubblicazione delle traduzioni di storie che narravano eventi contemporanei. Tra queste, le opere storiche di Paolo Giovio furono tra i testi cinquecenteschi più tradotti nelle diverse lingue europee. L’analisi intrecciata di alcune traduzioni, in particolare di quelle in francese e in spagnolo, e di varie figure di traduttori e di stampatori, mostra assai efficacemente come avvenissero gli incontri, gli scambi, le interazioni fra culture diverse, i modi di formazione e di circolazione dei modelli culturali, ma anche come tutte queste vicende riflettessero l’evolversi delle dinamiche politiche.
9782600063159
Translations, translators and printers of Paolo Giovio in Italy, France and Spain in the sixteenth century Translations of historical works accompanied and followed the much wider spread of humanism from the second half of the fifteenth century. They became one of the main vectors of communication, not only cultural communication, among various countries in Europe. Initially, humanists concentrated their attention on translations of the classical historians, from Greek into Latin or from Latin into the vulgar tongues. The first decades of the sixteenth century saw a rapid rise in the publication of translations that narrated contemporary events. The works of Paolo Giovio were among the sixteenth century texts that were most frequently translated into different European languages. This paper combines an examination of several translations, especially into French and Spanish, with a look at the figures of various translators and printers themselves. It effectively shows how encounters, exchanges and interactions took place between different cultures, how cultural models were formed and circulated and how all these events reflected evolving political dynamics.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Valeri_Giovio_Traduire_PUBBL.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 671.02 kB
Formato Adobe PDF
671.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1656696
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact