Questo volume si pone l’obiettivo di focalizzare gli studi della germanistica italiana su Christa Wolf, sia da una prospettiva strettamente letteraria, sia seguendo le nuove tendenze di carattere politico-culturale, collegandole al confronto wolfiano con l’Antico. Il rapporto di Christa Wolf con i classici, in particolare con le figure di Cassandra e Medea, risulta assai complesso e ramificato e si configura come un’articolata rete di percorsi, di movimenti, interazioni e interruzioni, di aporie e anacronismi, di cui l’immagine del labirinto sembra condensare l’essenza. Trasformando Cassandra e Medea in due menadi, Christa Wolf ha riabilitato nella società contemporanea la visione dell’altro, inteso qui come culto estatico-dionisiaco, il cui acme nella Grecia antica era rappresentato proprio dalla danza dionisiaca. L’autrice postula così una costitutiva intenzione verso il marginale, il periferico, l’eccentrico, espressi dal movimento a spirale del labirinto e di cui la danza “sfrenata”, priva di ordine apparente, propria della matrice dionisiaca, si fa espressione immediata.

Danza, Cassandra... Percorsi nel mito in Christa Wolf / Padularosa, Daniela Paola. - (2022), pp. 1-196.

Danza, Cassandra... Percorsi nel mito in Christa Wolf

Daniela Padularosa
2022

Abstract

Questo volume si pone l’obiettivo di focalizzare gli studi della germanistica italiana su Christa Wolf, sia da una prospettiva strettamente letteraria, sia seguendo le nuove tendenze di carattere politico-culturale, collegandole al confronto wolfiano con l’Antico. Il rapporto di Christa Wolf con i classici, in particolare con le figure di Cassandra e Medea, risulta assai complesso e ramificato e si configura come un’articolata rete di percorsi, di movimenti, interazioni e interruzioni, di aporie e anacronismi, di cui l’immagine del labirinto sembra condensare l’essenza. Trasformando Cassandra e Medea in due menadi, Christa Wolf ha riabilitato nella società contemporanea la visione dell’altro, inteso qui come culto estatico-dionisiaco, il cui acme nella Grecia antica era rappresentato proprio dalla danza dionisiaca. L’autrice postula così una costitutiva intenzione verso il marginale, il periferico, l’eccentrico, espressi dal movimento a spirale del labirinto e di cui la danza “sfrenata”, priva di ordine apparente, propria della matrice dionisiaca, si fa espressione immediata.
978-88-7575-424-2
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Padularosa_Danza-Cassandra_2022.pdf

solo gestori archivio

Note: Volume completo; copertina; indice; quarta di copertina
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.98 MB
Formato Adobe PDF
2.98 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1655647
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact