L’attuale assetto di Pietralata alta, fra il comprensorio SDO e la Stazione Tiburtina, è il risultato di decenni di pianificazioni e varianti sul tema del decentramento amministrativo della Capitale. Una strategia urbanistica definita con il Piano Regolatore del 1962 che voleva parte del quartiere come testata della struttura lineare dell’Asse Attrezzato. Questa ipotesi è stata nel tempo riveduta e trasformata, fino a essere oggi (nel febbraio 2022) in una fase di stallo e, nei programmi di Roma Capitale, forse di abbandono. È oggetto di questo testo la disamina dei passaggi interlocutori, delle analisi e delle considerazioni che hanno condotto a una ipotesi progettuale di massima, della quale si rappresenta la strategia e alcuni esiti formali. Questo progetto si è dato l’obiettivo di reinterpretare il tema del comparto direzionale nel quadro di una complessiva rimodulazione di alcune aree del quartiere, delle sue relazioni e dotazioni di servizi e parchi urbani. L’ipotesi sulla quale si è lavorato ha assunto come perimetro operativo la relazione fra le tre compagini urbane isolate costituite dal sistema della residenza intensiva aggregato a ridosso della via Tiburtina, dalla Stazione Tiburtina (struttura a ponte inaccessibile da Pietralata) e dal comprensorio direzionale SDO.

Rinascita Pietralata. Un progetto di riassetto urbano fra centri direzionali e spazi aperti / Bruschi, Andrea. - (2022), pp. 204-227. - DIAP PRINT.

Rinascita Pietralata. Un progetto di riassetto urbano fra centri direzionali e spazi aperti

Andrea Bruschi
2022

Abstract

L’attuale assetto di Pietralata alta, fra il comprensorio SDO e la Stazione Tiburtina, è il risultato di decenni di pianificazioni e varianti sul tema del decentramento amministrativo della Capitale. Una strategia urbanistica definita con il Piano Regolatore del 1962 che voleva parte del quartiere come testata della struttura lineare dell’Asse Attrezzato. Questa ipotesi è stata nel tempo riveduta e trasformata, fino a essere oggi (nel febbraio 2022) in una fase di stallo e, nei programmi di Roma Capitale, forse di abbandono. È oggetto di questo testo la disamina dei passaggi interlocutori, delle analisi e delle considerazioni che hanno condotto a una ipotesi progettuale di massima, della quale si rappresenta la strategia e alcuni esiti formali. Questo progetto si è dato l’obiettivo di reinterpretare il tema del comparto direzionale nel quadro di una complessiva rimodulazione di alcune aree del quartiere, delle sue relazioni e dotazioni di servizi e parchi urbani. L’ipotesi sulla quale si è lavorato ha assunto come perimetro operativo la relazione fra le tre compagini urbane isolate costituite dal sistema della residenza intensiva aggregato a ridosso della via Tiburtina, dalla Stazione Tiburtina (struttura a ponte inaccessibile da Pietralata) e dal comprensorio direzionale SDO.
978-88-229-0881-0
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Bruschi_Roma-istituzioni_cover_2022.pdf

solo gestori archivio

Note: copertina
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.65 MB
Formato Adobe PDF
2.65 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Bruschi_Roma-istituzioni_2022.pdf

solo gestori archivio

Note: frontespiziio, indice, testo "Roma città delle istituzioni"
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 8.66 MB
Formato Adobe PDF
8.66 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1655480
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact