Il circolo culturale fondato dall'Ambasciatore spagnolo a Roma, Nicolàs de Azara, diventa un centro propulsore per la pubblicazione di libri e traduzioni e per l'elaborazione di progetti culturali di riscoperta dei classici. Azara svolge inoltre un ruolo di assoluto rilievo nella gestione dell'arrivo dei gesuiti in Italia dopo la cancellazione del loro ordine in Spagna ed è ancora decisivo per quanto riguarda i rapporti del papato con Napoleon negli anni dell'espansione rivoluzionaria francese.

L'antichità come dispositivo culturale militante. Il circolo di Nicolàs José de Azara

Tatti, Mariasilvia
2022

Abstract

Il circolo culturale fondato dall'Ambasciatore spagnolo a Roma, Nicolàs de Azara, diventa un centro propulsore per la pubblicazione di libri e traduzioni e per l'elaborazione di progetti culturali di riscoperta dei classici. Azara svolge inoltre un ruolo di assoluto rilievo nella gestione dell'arrivo dei gesuiti in Italia dopo la cancellazione del loro ordine in Spagna ed è ancora decisivo per quanto riguarda i rapporti del papato con Napoleon negli anni dell'espansione rivoluzionaria francese.
9788893596602
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Tatti_Antichità-come-dispositivo_2022.pdf.pdf.pdf

accesso aperto

Note: Tatti_Antichità-come-dispositivo_2022.pdf
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 2.78 MB
Formato Adobe PDF
2.78 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1655089
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact