Il capitolo, “La dimensione emotivo-affettiva nell’età senile tra relazione e comunicazione”, si concentra sulle ricadute dell’invecchiamento relativamente alla dimensione emotivo-affettiva dell’anziano. Dopo una prima e breve sintesi di alcune prospettive teoriche, vengono prese in considerazione le differenti, complesse e specifiche risposte emotivo-affettive e socio-relazionali dell’anziano alla senilità. La dimensione socio-relazionale nell’età senile viene letta anche nel determinismo e/o nella reciprocità tra rappresentazioni sociali, autopercezioni, caratteristiche e conoscenze, competenze e abilità, quindi nelle rispettive ricadute in termini di sistemi di autoefficacia e di agentività aprendo a progettualità capaci di includere una chiara condivisione degli obiettivi, una coerente attribuzione causale, una rilettura del nesso aspettative-risultati per una revisione dei metodi di lavoro. La ricorsività tra fattori cognitivi ed emotivo-affettivi, individuali e sociali diventa una delle principali chiavi di lettura che interessano anche la relazione educativa duale e gruppale con l’anziano. La riflessione sul tema sottolinea l’importanza di una chiara, coerente e condivisa messa a punto di setting (inteso come sistema d’ipotesi ed, insieme, cornice organizzativa degli interventi) duali e/o gruppali di alfabetizzazione e di socializzazione dell’età senile, ponendo particolare attenzione ai fattori di occupazione, organizzazione e dinamica, dunque anche alla comunicazione fra e con l’anziano nonché al potenziale ed eventuale contributo del counselling.

La dimensione emotivo-affettiva nell'età senile tra relazione e comunicazione

CERROCCHI, Laura
2014

Abstract

Il capitolo, “La dimensione emotivo-affettiva nell’età senile tra relazione e comunicazione”, si concentra sulle ricadute dell’invecchiamento relativamente alla dimensione emotivo-affettiva dell’anziano. Dopo una prima e breve sintesi di alcune prospettive teoriche, vengono prese in considerazione le differenti, complesse e specifiche risposte emotivo-affettive e socio-relazionali dell’anziano alla senilità. La dimensione socio-relazionale nell’età senile viene letta anche nel determinismo e/o nella reciprocità tra rappresentazioni sociali, autopercezioni, caratteristiche e conoscenze, competenze e abilità, quindi nelle rispettive ricadute in termini di sistemi di autoefficacia e di agentività aprendo a progettualità capaci di includere una chiara condivisione degli obiettivi, una coerente attribuzione causale, una rilettura del nesso aspettative-risultati per una revisione dei metodi di lavoro. La ricorsività tra fattori cognitivi ed emotivo-affettivi, individuali e sociali diventa una delle principali chiavi di lettura che interessano anche la relazione educativa duale e gruppale con l’anziano. La riflessione sul tema sottolinea l’importanza di una chiara, coerente e condivisa messa a punto di setting (inteso come sistema d’ipotesi ed, insieme, cornice organizzativa degli interventi) duali e/o gruppali di alfabetizzazione e di socializzazione dell’età senile, ponendo particolare attenzione ai fattori di occupazione, organizzazione e dinamica, dunque anche alla comunicazione fra e con l’anziano nonché al potenziale ed eventuale contributo del counselling.
9788884345608
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1653496
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact