Lontana dall’idea positivista di essere in grado, attraverso l’azione dell’uomo, di salvare il nostro pianeta e le nostre città la cultura scientifico- progettuale contemporanea, nella consapevolezza di non poter controllare né tantomeno disegnare l’intero pianeta, si propone di elaborare nuovi strumenti d’indagine e progetto. Cruciale è la riflessione che ne scaturisce e che risulta essere imprescindibile rispetto a una visione in cui forma e trasformazione incarnano ragioni etico-ecologiche. L'isola di San Giuliano nonostante le ridotte dimensioni (11754 mq), essendo il primo avamposto lagunare tra Venezia e la costa è documentata in un abbondante materiale iconografico e descrittivo. Il progetto formalizza in un unico segno la vocazione dell’isola legata alla sua rinaturalizzazione con un sistema che alberghi uccelli, assumendo le sembianze di garzaia, fortifichi lo sviluppo della vegetazione e, diventando esso stesso cavàna, consenta l’accesso alle imbarcazioni a remi. Se San Giuliano ha assunto l’aspetto di nota a piè pagina della terraferma disponendosi ai margini dell’impaginazione il suo nuovo ruolo accogliente e accudente di garzaia-cavàna la proietta in un immaginario vitale che ne reiventa i limiti e le relazioni.

Lo stupore della notte / Morgia, Federica. - (2022), pp. 190-197. [10.7413/1234-1234010].

Lo stupore della notte

Federica Morgia
2022

Abstract

Lontana dall’idea positivista di essere in grado, attraverso l’azione dell’uomo, di salvare il nostro pianeta e le nostre città la cultura scientifico- progettuale contemporanea, nella consapevolezza di non poter controllare né tantomeno disegnare l’intero pianeta, si propone di elaborare nuovi strumenti d’indagine e progetto. Cruciale è la riflessione che ne scaturisce e che risulta essere imprescindibile rispetto a una visione in cui forma e trasformazione incarnano ragioni etico-ecologiche. L'isola di San Giuliano nonostante le ridotte dimensioni (11754 mq), essendo il primo avamposto lagunare tra Venezia e la costa è documentata in un abbondante materiale iconografico e descrittivo. Il progetto formalizza in un unico segno la vocazione dell’isola legata alla sua rinaturalizzazione con un sistema che alberghi uccelli, assumendo le sembianze di garzaia, fortifichi lo sviluppo della vegetazione e, diventando esso stesso cavàna, consenta l’accesso alle imbarcazioni a remi. Se San Giuliano ha assunto l’aspetto di nota a piè pagina della terraferma disponendosi ai margini dell’impaginazione il suo nuovo ruolo accogliente e accudente di garzaia-cavàna la proietta in un immaginario vitale che ne reiventa i limiti e le relazioni.
9788857591629
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Morgia_Stupore-notte_2022.pdf

accesso aperto

Note: copertina, frontespizio, indice, articolo
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.56 MB
Formato Adobe PDF
3.56 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1652503
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact