Una prospettiva critica asimmetrica: L’abusivo tra cronaca e finzione