Il testo analizza l'attività di Giaquinto a Torino indicando specificità stilistiche e tecniche del pittore che, diversamente da quanto affermato dalla consolidata tradizione critica, quando è chiamato in Piemonte ha già maturato una sua piena identità. Dal confronto con le coeve imprese pittoriche per la corte emerge la straordinaria capacità innovativa del pittore ma si individuano anche i debiti formativi contratti nei confronti di Juvarra. Il testo dimostra infatti come Giaquinto, nel soggiorno torinese, adotti una più evidente coerenza distributiva delle figure nella concatenazione scenica, in rapporto tanto allo spazio dipinto quanto a quello architettonico.

Corrado Giaquinto a Torino

DI MACCO, MICHELA
2005

Abstract

Il testo analizza l'attività di Giaquinto a Torino indicando specificità stilistiche e tecniche del pittore che, diversamente da quanto affermato dalla consolidata tradizione critica, quando è chiamato in Piemonte ha già maturato una sua piena identità. Dal confronto con le coeve imprese pittoriche per la corte emerge la straordinaria capacità innovativa del pittore ma si individuano anche i debiti formativi contratti nei confronti di Juvarra. Il testo dimostra infatti come Giaquinto, nel soggiorno torinese, adotti una più evidente coerenza distributiva delle figure nella concatenazione scenica, in rapporto tanto allo spazio dipinto quanto a quello architettonico.
9788873811343
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/164591
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact