Le patologie della comunicazione scientifica: problema etico o socioeconomico?