Il "De jurisconsulto" del Rapolla, ovvero il giurista come interprete ragionevole