La nuova facies della basilica: tra Arnolfo e Cavallini