Strategia espositiva e topografia nel Foro Romano: una declinazione del reimpiego epigrafico