I tessuti "spontanei" della periferia metropolitana