Giovanni Gentile, Guido Calogero e il problema dell'alterità