Il saggio rintraccia alcune fonti rilevanti della poetica leopardiana (in particolare de "L'infinito"), a partire da una ricostruzione della storia dell'influentissima riflessione cristiana sull'idea di infinito, che si declina in due interpretazioni e tradizioni: una di matrice greca, post-origeniana, "inventata" da Gregorio di Nissa, ma capace di trasmettersi lungo il pensiero teologico e filosofico occidentali fino a influenzare il Romanticismo inglese e tedesco; l'altra moderna, sospesa tra ateismo e fede gratuita, arrischiata da Pascal a partire da coordinate agostiniane. Solo questa ricostruzione permette di riscontrare quali siano il debito ma anche l'innovazione di Leopardi rispetto al polimorfo "sprofondarsi" cristiano nell'idea di infinito. Il dolce naufragare - immagine patristica scoperta da Leopardi adolescente, ma già disseminatasi lungo Medioevo e modernità - ricapitola in sé l'abbandono della fede cristiana e la conversione al canto fatale delle sirene, che rivela il rapimento incantato della voce poetica inseparabile dalla conoscenza dell'universale destino di precarietà e morte.

Un dolce naufragio. L'infinito di Leopardi tra i Padri e Pascal / Lettieri, Gaetano. - (2021), pp. 99-137.

Un dolce naufragio. L'infinito di Leopardi tra i Padri e Pascal

Gaetano Lettieri
2021

Abstract

Il saggio rintraccia alcune fonti rilevanti della poetica leopardiana (in particolare de "L'infinito"), a partire da una ricostruzione della storia dell'influentissima riflessione cristiana sull'idea di infinito, che si declina in due interpretazioni e tradizioni: una di matrice greca, post-origeniana, "inventata" da Gregorio di Nissa, ma capace di trasmettersi lungo il pensiero teologico e filosofico occidentali fino a influenzare il Romanticismo inglese e tedesco; l'altra moderna, sospesa tra ateismo e fede gratuita, arrischiata da Pascal a partire da coordinate agostiniane. Solo questa ricostruzione permette di riscontrare quali siano il debito ma anche l'innovazione di Leopardi rispetto al polimorfo "sprofondarsi" cristiano nell'idea di infinito. Il dolce naufragare - immagine patristica scoperta da Leopardi adolescente, ma già disseminatasi lungo Medioevo e modernità - ricapitola in sé l'abbandono della fede cristiana e la conversione al canto fatale delle sirene, che rivela il rapimento incantato della voce poetica inseparabile dalla conoscenza dell'universale destino di precarietà e morte.
9788855222259
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Lettieri_Un dolce naufragio_2021.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 6.73 MB
Formato Adobe PDF
6.73 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1574001
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact