A Silvana Cirillo, due parole