Su alcune Antigoni operistiche del Settecento