Buddhismo, relativismo e linguaggio