Per un'intima socialità dell'architettura detentiva