Un dopoguerra storiografico. Storici italiani tra guerra civile e Repubblica Venuta meno, a partire dal 1925, l'unità d'intenti che coinvolse fino alla Grande Guerra intellettuali diversi (Volpe, Salvemini, Croce, Gentile) nel progetto di una disciplina storica a impianto nazionale, l'organizzazione autoritaria degli studi attuata dal fascismo determinò uno scontro fra storici, presto degenerato in lotta armata nell'ultimo scorcio del ventennio. Dopo il 25 aprile 1945, la resa dei conti con la dittatura portò un'epurazione culturale, premessa di una nuova violenta (anche se non cruenta) guerra civile, promossa da intellettuali che, affiancati da una pattuglia di volenterosi reduci dall'adesione piena al fascismo, si proponevano di recidere ogni rapporto con la storiografia italiana del primo dopoguerra. L'autore ha ricostruito la memoria imperfetta di questi eventi utilizzando materiale d'archivio quasi integralmente inedito, e dando la parola ai protagonisti di quella stagione culturale e agli artefici della vita politica (da Mussolini a Togliatti), nella convinzione che il confronto intellettuale del nostro paese è stato la continuazione di un conflitto intestino combattuto con altri mezzi.

Un dopoguerra storiografico. Storici italiani tra guerra civile e Repubblica / DI RIENZO, Pio Eugenio. - STAMPA. - (2004), pp. 8-443.

Un dopoguerra storiografico. Storici italiani tra guerra civile e Repubblica.

DI RIENZO, Pio Eugenio
2004

Abstract

Un dopoguerra storiografico. Storici italiani tra guerra civile e Repubblica Venuta meno, a partire dal 1925, l'unità d'intenti che coinvolse fino alla Grande Guerra intellettuali diversi (Volpe, Salvemini, Croce, Gentile) nel progetto di una disciplina storica a impianto nazionale, l'organizzazione autoritaria degli studi attuata dal fascismo determinò uno scontro fra storici, presto degenerato in lotta armata nell'ultimo scorcio del ventennio. Dopo il 25 aprile 1945, la resa dei conti con la dittatura portò un'epurazione culturale, premessa di una nuova violenta (anche se non cruenta) guerra civile, promossa da intellettuali che, affiancati da una pattuglia di volenterosi reduci dall'adesione piena al fascismo, si proponevano di recidere ogni rapporto con la storiografia italiana del primo dopoguerra. L'autore ha ricostruito la memoria imperfetta di questi eventi utilizzando materiale d'archivio quasi integralmente inedito, e dando la parola ai protagonisti di quella stagione culturale e agli artefici della vita politica (da Mussolini a Togliatti), nella convinzione che il confronto intellettuale del nostro paese è stato la continuazione di un conflitto intestino combattuto con altri mezzi.
8871668138
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Di Rienzo_Un dopoguerra.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.29 MB
Formato Adobe PDF
1.29 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/152792
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact