Quali regole per la rappresentanza sindacale specie in presenza di contratti collettivi separati? La domanda non è nuova. Nel 1997 Massimo D’Antona ne ha dato una soluzione nell’area delle pubbliche amministrazioni. Oggi, a distanza di più di dieci anni, l’interrogativo ritorna di attualità nel settore privato: il fenomeno dei contratti separati è in aumento, con una grave incertezza sulle regole da applicare e sulla validità stessa del contratto collettivo. Il volume affronta appunto questa complessa problematica ripubblicando innanzitutto il saggio di Massimo D’Antona sull’articolo 39 della Costituzione. Seguono analisi di contesto, economico e sociale, sui livelli di reddito e sulle relazioni sindacali. Concludono l’opera varie proposte di riforma del sistema di relazioni sindacali, enucleate intorno a due opzioni alternative: affidare le sorti della contrattazione alla prassi oppure alle regole pubblicistiche della democrazia? E tali regole implicano una revisione dell’articolo 39 della Costituzione? Al fondo della divaricazione persiste una diversa lettura del mercato del lavoro, dell’ordinamento sindacale e della capacità stessa del legislatore, per quanto avveduto, di dare risposte lungimiranti, specie in un contesto di economia globale. Il volume, pur non potendo offrire soluzioni definitive, si segnala per il quadro esauriente delle proposte in campo.

Accordi separati: tra libertà contrattuale e democrazia sindacale / Maresca, Arturo. - (2010), pp. 227-248.

Accordi separati: tra libertà contrattuale e democrazia sindacale

MARESCA, ARTURO
2010

Abstract

Quali regole per la rappresentanza sindacale specie in presenza di contratti collettivi separati? La domanda non è nuova. Nel 1997 Massimo D’Antona ne ha dato una soluzione nell’area delle pubbliche amministrazioni. Oggi, a distanza di più di dieci anni, l’interrogativo ritorna di attualità nel settore privato: il fenomeno dei contratti separati è in aumento, con una grave incertezza sulle regole da applicare e sulla validità stessa del contratto collettivo. Il volume affronta appunto questa complessa problematica ripubblicando innanzitutto il saggio di Massimo D’Antona sull’articolo 39 della Costituzione. Seguono analisi di contesto, economico e sociale, sui livelli di reddito e sulle relazioni sindacali. Concludono l’opera varie proposte di riforma del sistema di relazioni sindacali, enucleate intorno a due opzioni alternative: affidare le sorti della contrattazione alla prassi oppure alle regole pubblicistiche della democrazia? E tali regole implicano una revisione dell’articolo 39 della Costituzione? Al fondo della divaricazione persiste una diversa lettura del mercato del lavoro, dell’ordinamento sindacale e della capacità stessa del legislatore, per quanto avveduto, di dare risposte lungimiranti, specie in un contesto di economia globale. Il volume, pur non potendo offrire soluzioni definitive, si segnala per il quadro esauriente delle proposte in campo.
8823014527
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/152332
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact