Alla conclusione del secondo conflitto mondiale, la sovranità nazionale viene diffusamente ritenuta un ostacolo alla costruzione di un futuro di pace e prosperità. Nasce così l’Europa unita, intenzionata a coordinare l’azione dei singoli Stati per sostenere la piena occupazione e difendere la società dall’invadenza dei mercati. Ben presto, però, la promozione della concorrenza diviene il punto di riferimento per l’operato delle istituzioni europee, che finiscono per identificare nel mercato il principale strumento per redistribuire la ricchezza. La moneta unica viene creata per presidiare questo schema, perché la sua architettura impedisce agli Stati di tutelare il lavoro e alimentare il welfare: non deve esserci spazio per allocare risorse con modalità alternative a quelle riconducibili al libero incontro di domanda e offerta di beni e servizi. Di qui il crescente impoverimento della società, alla base dei drammatici conflitti che evidenziano il tradimento delle idealità da cui era scaturito il percorso verso l’unità europea. E se l’Europa unita si mostrerà irriformabile, se cioè il sogno di una stagione di pace e prosperità avrà ceduto il passo all’incubo di un futuro di conflitti e povertà, il suo destino sarà irrimediabilmente segnato.

Quando l’Europa tradì se stessa. E come continua a tradirsi nonostante la pandemia / Somma, Alessandro. - (2021), pp. 1-184.

Quando l’Europa tradì se stessa. E come continua a tradirsi nonostante la pandemia

Alessandro Somma
2021

Abstract

Alla conclusione del secondo conflitto mondiale, la sovranità nazionale viene diffusamente ritenuta un ostacolo alla costruzione di un futuro di pace e prosperità. Nasce così l’Europa unita, intenzionata a coordinare l’azione dei singoli Stati per sostenere la piena occupazione e difendere la società dall’invadenza dei mercati. Ben presto, però, la promozione della concorrenza diviene il punto di riferimento per l’operato delle istituzioni europee, che finiscono per identificare nel mercato il principale strumento per redistribuire la ricchezza. La moneta unica viene creata per presidiare questo schema, perché la sua architettura impedisce agli Stati di tutelare il lavoro e alimentare il welfare: non deve esserci spazio per allocare risorse con modalità alternative a quelle riconducibili al libero incontro di domanda e offerta di beni e servizi. Di qui il crescente impoverimento della società, alla base dei drammatici conflitti che evidenziano il tradimento delle idealità da cui era scaturito il percorso verso l’unità europea. E se l’Europa unita si mostrerà irriformabile, se cioè il sogno di una stagione di pace e prosperità avrà ceduto il passo all’incubo di un futuro di conflitti e povertà, il suo destino sarà irrimediabilmente segnato.
978-88-581-4317-9
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Somma_Quando-Europa_2021.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Documento in Post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 896.08 kB
Formato Adobe PDF
896.08 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1508436
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact