Davvero, ora, un altro mondo dell’apprendimento è possibile; costruirlo è veramente un duro lavoro, necessario tuttavia per attenuare una quantità di sofferenze – di conflitti nella società e “nel seno stesso della nostra mente”, per utilizzare una formula di McLuhan. E sarà in Italia un cambiamento particolarmente drammatico, perché per troppo tempo si è andati avanti con modifiche di facciata e dall’alto, con riforme che presto si auto-svuotano, senza mai ridiscutere i “fondamentali”. Tutti i “mattoni” per una nuova architettura ci sono, e da tempo, in quanto a conoscenze e ad esperienze anche diffuse. Ciò che manca, si potrebbe aggiungere, sono due condizioni abilitanti, senza le quali un sistema che ora si regge solo per inerzia potrebbe continuare a perpetuar-si, come un gigantesco freno alla creatività, all’intelligenza e alla capacità di resilienza della nostra società: ossia a) un movimento generale di diffusione delle teorie e delle prati-che di Edu-Action tra gli insegnanti (e nelle famiglie, e negli ambienti con cui la scuola deve interagire); b) un governo in-telligente che riesca a liberare sul serio le autonomie e a sbu-rocratizzare radicalmente il sistema. Difficile, e tuttavia non impossibile, perché un nuovo clima culturale, sotto traccia, sta avanzando.

Contributi per l'Edu-Action / Ragone, Giovanni. - (2021), pp. 185-206.

Contributi per l'Edu-Action

Giovanni Ragone
2021

Abstract

Davvero, ora, un altro mondo dell’apprendimento è possibile; costruirlo è veramente un duro lavoro, necessario tuttavia per attenuare una quantità di sofferenze – di conflitti nella società e “nel seno stesso della nostra mente”, per utilizzare una formula di McLuhan. E sarà in Italia un cambiamento particolarmente drammatico, perché per troppo tempo si è andati avanti con modifiche di facciata e dall’alto, con riforme che presto si auto-svuotano, senza mai ridiscutere i “fondamentali”. Tutti i “mattoni” per una nuova architettura ci sono, e da tempo, in quanto a conoscenze e ad esperienze anche diffuse. Ciò che manca, si potrebbe aggiungere, sono due condizioni abilitanti, senza le quali un sistema che ora si regge solo per inerzia potrebbe continuare a perpetuar-si, come un gigantesco freno alla creatività, all’intelligenza e alla capacità di resilienza della nostra società: ossia a) un movimento generale di diffusione delle teorie e delle prati-che di Edu-Action tra gli insegnanti (e nelle famiglie, e negli ambienti con cui la scuola deve interagire); b) un governo in-telligente che riesca a liberare sul serio le autonomie e a sbu-rocratizzare radicalmente il sistema. Difficile, e tuttavia non impossibile, perché un nuovo clima culturale, sotto traccia, sta avanzando.
Edu-Action. 70 tesi su come e perché cambiare i modelli educativi nell’era digitale
978-88-5519-338-2
educazione; media; apprendimento; atelier
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
Contributi per l'Edu-Action / Ragone, Giovanni. - (2021), pp. 185-206.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Ragone_Contributi-per-l-Edu-Action_2021.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.06 MB
Formato Adobe PDF
1.06 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1506402
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact