Parlando di consumi e alimentazione a Roma durante la seconda guerra mondiale il pensiero corre subito ai terribili mesi dell’occupazione nazi-fascista, seguiti all’8 settembre 1943, e poi alla presenza degli Alleati, dalla Liberazione della città il 4 giugno 1944 (anche se, nel farlo, non si può prescindere dal chiedersi cosa abbiano rappresentato i tre anni precedenti, dall’entrata in guerra dell’Italia il 10 giugno 1940, per la popolazione della capitale). Il saggio ripercorre dunque gli anni della guerra a Roma, fermandosi in particolare sull’articolazione della vita quotidiana successivamente all’8 settembre e, al suo interno, sul rapporto con il cibo, farcendosi accompagnare da una tipologia di fonte a lungo negletta, e oggi invece sempre più all’attenzione degli studiosi: quella attinente alle così dette “scritture non professionali”. Percorsi autobiografici “qualsiasi” - tratti sia da successivi sondaggi condotti nella documentazione conservata presso l’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano, sia dalla fitta produzione a stampa di eguale tenore, in molti casi ad opera di piccole case editrici o addirittura autoprodotta – per entrare in quest’ultima fase del secondo conflitto mondiale a Roma attraverso due parole chiave della guerra stessa, tra le più ricorrenti nelle scritture analizzate: paura e fame.

La città e la guerra: percorsi urbani a Roma 1943-1944 / Piccioni, Lidia. - (2020), pp. 27-50.

La città e la guerra: percorsi urbani a Roma 1943-1944

Piccioni, Lidia
2020

Abstract

Parlando di consumi e alimentazione a Roma durante la seconda guerra mondiale il pensiero corre subito ai terribili mesi dell’occupazione nazi-fascista, seguiti all’8 settembre 1943, e poi alla presenza degli Alleati, dalla Liberazione della città il 4 giugno 1944 (anche se, nel farlo, non si può prescindere dal chiedersi cosa abbiano rappresentato i tre anni precedenti, dall’entrata in guerra dell’Italia il 10 giugno 1940, per la popolazione della capitale). Il saggio ripercorre dunque gli anni della guerra a Roma, fermandosi in particolare sull’articolazione della vita quotidiana successivamente all’8 settembre e, al suo interno, sul rapporto con il cibo, farcendosi accompagnare da una tipologia di fonte a lungo negletta, e oggi invece sempre più all’attenzione degli studiosi: quella attinente alle così dette “scritture non professionali”. Percorsi autobiografici “qualsiasi” - tratti sia da successivi sondaggi condotti nella documentazione conservata presso l’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano, sia dalla fitta produzione a stampa di eguale tenore, in molti casi ad opera di piccole case editrici o addirittura autoprodotta – per entrare in quest’ultima fase del secondo conflitto mondiale a Roma attraverso due parole chiave della guerra stessa, tra le più ricorrenti nelle scritture analizzate: paura e fame.
9788855250368
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Piccioni_Cover_La-pasta-nero_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.05 MB
Formato Adobe PDF
1.05 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Piccioni_Citta-guerra_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 436.56 kB
Formato Adobe PDF
436.56 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1477428
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact