Reggio Emilia: lo scavo del convento di S. Prospero extra urbem