Andreotti, la Chiesa e la «solidarietà nazionale»