I vincoli della tecnica (e della realtà). Sullo stallo tragico di Pirandello